LG Nexus 5X dopo un mese di utilizzo con Android 8.0 Oreo

Uso e impressioni di Android 8.0 Oreo con LG Nexus 5X dopo un mese dall’acquisto

Guarda in lighbox

Come tutti sapete, circa un mese fà ho acquistato LG Nexus 5X a causa della rottura del mio vecchio e buon Samsung Galaxy Note 3, ma tranquilli, lui e sempre con me. Dopo averlo utilizzato intensamente questo mese, anche lavorativamente, devo dire che regge molto bene al mio uso anche se con qualche perdita di colpo ogni tanto con Android 8.0 Oreo rispetto alla versione Android 7.1.2 Nougat. Diciamocela tutta, il mo device lo utilizzo molto, quindi anche se avrei avuto un suo diretto concorrente sarebbe stato lo stesso.

Dopo quasi due settimane dal suo acquisto, mamma Google rilascia l’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo. Quest’ultimo aggiornamento, porta con se oltre alle patch di sicurezza di Ottobre, porta anche alcune funzionalità che, a me personalmente son tornate utili e poi non nascondo che mi piace tanto il restiling grafico apportato all’intera ui restando sempre un Android stock senza troppi fronzoli aggiuntivi e tempi di avvio del device migliorati rispetto a prima.

Iniziamo con il parlare di Android 8.0 Oreo. Rispetto alla precedente versione, ha avuto un rinnovamento totale della UI System che, dal colore scuro presente in Android 7.1.2 Nougat, ora, con questo bianco e molto più gradevole alla vista e personalmente, affatica anche meno la vista e portando anche un ulteriore stabilità di sistema in più rispetto a prima. Il menù delle impostazioni sono state unificate alcune voci come:

  • Dispositivi collegati di cui và ad unificare tutte le connessioni bluetooth, NFC, Android Beam, servizi di stampa e la trasissione del display che prima trovavamo alla voce display, trasmetti schermo
  • Tastiera Google: migliorata la precisione dei pulsanti, la velocità di apertura per la digitazione del testo e sopratutto un’utile funzione di cui ne vado matto, cambiare lo sfondo di background sotto i pulsanti
  • Il pulsante delle app recenti che, se premuto due volte di seguito, riporta all’app che stavamo utilizzando in precedenza, ecco, questa funzione a me e stata molto utile
  • Presente, come prima, nel menù delle impostazioni la voce Assistenza che, rispetto a prima, oltre ad essere spostata dalla sezione della voce “sistema” e messa in modo indipendente, si ha la possibilità di contattarla anche tramite chat che con numero di telefono
  • Alla voce sicurezza e posizione ci vien fornita anche la voce che riguardano le patch di sicurezza rilasciate da Google
  • Alla medesima  voce troviamo anche la voce Google Play Protect al quale fornisce informazioni che riguardano tutte quelle app da noi installate via Play Store e analizzate e dannose rilevate dal sistema Play Protect
  • Sempre in questa sezione possiamo anche attivare la voce e chiedere il rilevamente di app sconosciute e permettere al sistema Play Protect di di analizzarle
  • Tutte le voci che prima erano presenti nel menù alla sezione Movimenti, sono state unificate alla voce sistema presente nel menù delle impostazioni alla voce “lingua e immissione” e troviamo le voci che fanno parte dei relativi menù della tastiera Google e metodi di imput, la voce movimenti che riguardano le gesture con il sensore biometrico, vale a dire sensore delle impronte digitali, display e fotocamera
  • La voce “opzioni sviluppatrore” presente nel menù delle impostazioni, e stata unificata anch’essa alla voce sistema del menù delle impostazioni
  • La voce “backup & ripristino” che prima presente al menù delle impostazioni, adesso la troviamo unificata alla voce sistema con il nome reimposta, nel presente menù troviamo anche la voce backup al quale troviamo tutte le voci di backup di Google
  • La voce “luminosità adattiva” oltre ad essere presente nella alla sezione display, adesso e presente anche alla voce “risparmio batteria”
  • Unificate anche le voci “app e notifiche”, la dove possiamo avere tutte quelle informazioni sulle app da noi installate e modificare tutte le notifiche che ne fanno parte, le autorizzazioni ed in più consente di darci informazioni sulle app che hanno l’accesso speciale nelle varie voci elencate
  • Al medesimo menù delle impostazioni troviamo unificate anche le voci “utenti e account”, la dove prima era presente la voce account e mostrava gli account collegati al device, adesso non solo, ci mostra anche l’utente o gli utenti sia ospiti che admin che gestiscono il device
  • Alla voce batteria presente al menù delle impostazioni, adesso saremo informati anche di tutte quelle app usate più spesso dall’ultimo ciclo di ricarica, il tempo totale delle chiamate mentre invece restano invariate le impostazioni dell’utilizzo rimuovendo però le relative informazioni sull’utilizzo del display attivo
  • Premendo due volte di seguito, consente di passare, in maniera molto fluida, di passare tra le due app recenti utilizzate rimaste in background

Ulteriori miglioramenti li ho notati anche per quanto riguarda la fotocamera, che oltre ad essere leggermente più rapida nell’apertura, ha portato anche la funzione Slow Motion a 120fps in full hd. Altri miglioramenti che ho notato, riguardano l’avvio del device, impiega meno di 30 secondi all’avvio completo.

Alcuni di voi si stanno chiedendo: ma Android 8.0 Oreo, ha portato benefici all’utilizzo della batteria? In questo diciamo che miglioramenti non sono stati apportati. Rispetto al mio utilizzo con Android 7.1.2 Nougat, dalle 07:00 del mattino, momento in cui lo toglievo dalla carica, con batteria al 100% con un utilizzo molto, e dico molto intenso, riuscivo a superare le 01:00 con almeno il 10% di carica residua, adesso, avendo sempre lo stesso utilizzo intenso, e come il mio solito fare, dalle 07:00 in punto del mattino, riesco a superare le 20:00 con la stessa restante carica residua rispetto ad Android 7.1.2 Nougat. Però non nascondo che i tempi di ricarica restano i medesimi, in meno 2 ore abbiamo il device completamente carico.

Android 8.0 Oreo, pro e contro

Prò

  • Restiling dell’intero menù delle impostazioni
  • Colorazione chiara molto gradevole alla vista
  • Rimasti invariati i tempi di ricarica, in meno di 2 ore lo ricarichiamo del 100%
  • Nuove funzioni aggiunte molto comode per me
  • Tempi di avvio diminuiti rispetto a prima

Contro

  • Durata della batteria che, purtroppo rispetto a prima, i tempi di durata, con gli stessi utilizzi intensi sia con Android 7.1.2 Nougat e sia Android 8.0 Oreo son diminuiti

Conclusioni

Ed eccoci arrivati alle conclusioni. Anche se Android 8.0 Oreo ha portato una nuova veste grafica, nuove funzioni, unificato alcune voci del menù ma portando anche una durata della batteria che rispetto a prima và a calare di molto, LG Nexus 5X, sebbene sia un device del 2015, rimane sempre affidabile, fluido e stabile.